lunedì 27 febbraio 2017

Recensione "La favola di Thea" (Nel cuore di New York #2) Alessia Esse

La favola di Thea 
(Nel cuore di New York #2)
Alessia Esse
Editore CreateSpace Indipendent  Pagine 380
Lei pensa che lui sia un cafone.
Lui pensa che lei sia superficiale e frivola.
Non potrebbero essere più diversi.
Non potrebbero essere più attratti l'uno dall'altra.
In apparenza, Thea Harrison vive una favola: la sua carriera è in ascesa, i suoi amici l’adorano, e un folto esercito di fotomodelli è pronto a regalarle notti di sesso passionale. Negli ultimi cinque anni, infatti, la ventisettenne è diventata una delle fashion blogger più richieste e apprezzate al mondo.
Thea tocca il cielo con un dito quando riceve un invito per partecipare al Gala annuale del Metropolitan Museum. Si tratta del coronamento di un sogno, e di un’opportunità professionale senza pari.
È al museo che Thea conosce Mordecai Reed, un ragazzo cinico e scorbutico che non si fa problemi a dirle ciò che pensa. Nonostante questo, tra i due nasce un legame sorprendente, che cresce quando Thea si rende conto che lei e Mordecai non sono così diversi come sembra.
Ma la ragazza sa che aprire il suo cuore vorrebbe dire rivelare a Mordecai un segreto nascosto per anni. Un segreto capace di distruggere tutto ciò che lei ha costruito a New York.
Finora Thea è stata brava a fingere. Riuscirà a farlo ancora, quando Mordecai le farà dubitare della maschera che indossa? E cosa accadrà quando il passato tornerà a minacciare la sua nuova vita?
Dopo aver letto ed aver adorato il primo volume della serie ho subito pensato che, decisamente, l'avrei continuata e così è stato, posso subito dire che anche questo secondo volume mi ha convinta, forse anche più del primo!
La storia è quella di Thea, la splendida e di successo fashion blogger del gruppo. La controparte è Mordecai, assolutamente l'opposto della ragazza. Lei solare, spigliata, sempre al centro dell'attenzione, sempre attenta a trucco ed abbigliamento...lui scontroso, cinico, sprezzante verso il mondo che Thea tanto ama, con un lavoro dimesso, che non si cura del look...ma nonostante le differenze è innegabile l'attrazione che li lega dal loro primo incontro.
Le cose non saranno semplici per loro, le differenze li separano, ma presto capiranno che, in realtà, le loro vite hanno molte più cose in comune di quanto non possa sembrare a prima vista. Entrambi hanno alle spalle un passato doloroso...e due modi completamente differenti di affrontarlo. Mordecai combatte con i suoi demoni ogni giorno, Thea ne nega l'esistenza, nascondendoli a tutti. 
I personaggi sono ben caratterizzati, lei mi ricorda la Ferragni :) ...è stato un piacere rincontrare i personaggi che avevo già avuto il piacere di conoscere ne "La tentazione di Laura"!
La storia è si una storia d'amore, ma tocca anche argomenti importanti e lo fa con delicatezza, ma anche in maniera convincente. Poi c'è anche una piccola parte di mistero...che per una volta non è così scontata e prevedibile, quindi che dire...di sicuro Alessia mi ha convinta una volta di più! Il suo stile si conferma scorrevole e coinvolgente, la storia cattura e tiene incollati alle pagine, dall'inizio alla fine.
L'unica pecca di questo romanzo...e a parer mio, di tutta la serie...sono, purtroppo le copertine, non mi piacciono proprio e sinceramente penso che la copertina a volte faccia la differenza tra prendere in mano un romanzo e non prenderlo... (si salva forse solo l'ultima, "L'amore di Audrey").

sabato 25 febbraio 2017

Recensione "Parigi è sempre una buona idea" Nicholas Barreau


Parigi è sempre una buona idea
Nicholas Barreau
Editore Feltrinelli  Pagine 264
Parigi è sempre una buona idea, si sa. Innamorati o no, vale sempre la pena di fare una passeggiata per le vie della Ville Lumière. Lì, in rue du Dragon, ci si può imbattere in un piccolo negozio con una vecchia insegna di legno, un campanello d'argento démodé sulla porta e, dentro, mensole straripanti di carta da lettere e cartoline illustrate: la papeterie di Rosalie Laurent. Talentuosa illustratrice, Rosalie è famosa per i biglietti d'auguri personalizzati che realizza a mano. Ed è un'accanita sostenitrice dei rituali: il café crème la mattina, una fetta di torte au citron nelle giornate storte, un buon bicchiere di vino rosso dopo la chiusura della papeterie. I rituali aiutano a fare ordine nel caos della vita, ed è per questo che ogni anno, per il suo compleanno, Rosalie fa sempre la stessa cosa: sale i 704 gradini della Tour Eiffel fino al secondo piano e lancia in aria un biglietto su cui ha scritto un desiderio. Ma finora nessuno è mai stato esaudito. Tutto cambia il giorno in cui un anziano signore entra nella papeterie. Si tratta del famoso scrittore per bambini Max Marchais, che le chiede di illustrare il suo nuovo libro. Rosalie accetta e ben presto i due diventano amici, La tigre azzurra ottiene premi e riconoscimenti e si aggiudica il posto d'onore in vetrina. Quando, poco tempo dopo, un affascinante professore americano, attratto dal libro, entra in negozio, Rosalie pensa che il destino stia per farle un altro regalo. Ma prima ancora che si possa innamorare, ha un'amara sorpresa.


Era da tempo che mi ripromettevo di leggere un libro di Barreau, finalmente l'ho fatto e non potrei esserne più felice. In effetti quello che ho letto è quello che mi aspettavo, atmosfere parigine bohemien, personaggi carismatici nelle cui vite mi piacerebbe poter entrare...una storia dolce e romantica. 
Lo stile di Barreau è scorrevole, a tratti poetico, di legge che è un piacere!
I personaggi adorabili, Rosalie, la tipica parigina, se devessi immaginare una sarebbe proprio come lei.
La storia di snoda tra le strade di Parigi, con le sue magiche atmosfere...fatta di amicizia, negozietti caratteristici e personaggi caratteristici, romanticismo e un pizzico di mistero. Mi sono innamorata di Rosalie, della sua Paperie, della sua passione per le illustrazioni, del suo cagnolino, William Morris, del suo carattere solare...e ho trovato adorabile la sua abitudine, a fine giornata, di scrivere sul suo diario la cosa più brutta e la città più bella successe nella giornata, la trovo un'idea geniale, quasi da adottare...
Ammetto che tutto sommato è una storia un po' banale, il cosiddetto mistero che si cela dietro la pubblicazione del libro 'La tigre azzurra' è facilmente intuibile, anche quello che dovrebbe essere una sorta di colpo di scena non mi ha certo colta di sorpresa...e volendo andare a scavare, alcuni tratti del romanzo sono stati poco approfonditi, i rapporti tra Rosalie e sua madre, quello tra Robert e la fidanzata...
Nonostante tutto, nonostante alcuni difetti, ho trovato molto piacevole il libro, una lettura che mi ha conquistata e fatto passare qualche ora in piacevole compagnia e nella città più romantica d'Europa! Il mio primo approccio con Barreau è andato bene, di sicuro non ci si deve aspettare un romanzo impegnato, ma se si cerca una lettura leggera, romantica e piacevole...allora questo autore fa assolutamente per voi.

venerdì 24 febbraio 2017

5 cose che... #4: 5 luoghi in cui mi piacerebbe leggere

BUON VENERDI' LETTORI!
Il weekend si avvicina! Quale momento migliore per rilassarsi e pensare alle prossime letture?
Ma oggi non si parla di libri, si parla dei luoghi in cui ci piacerebbe essere mentre abbiamo un buon libro tra le mani....
I luoghi consueti in cui normalmente leggo sono: sui mezzi pubblici, ora non sto lavorando perché sono a casa in maternità, ma normalmente leggo tantissimo nel tragitto casa - lavoro che dura un'ora tra bus e treno...poi ovviamente a casa, sul divano o a letto prima di dormire...e a volte anche quando devo aspettare in coda, magari in posta o dalla parrucchiera o dal dottore...posti normali insomma!
Ma visto che questo post mi permette di viaggiare con la fantasia, beh ecco dove vorrei essere quando stringo tra le mani un buon libro!
IN UNA MERAVIGLIOSA SPIAGGIA
Chi è che non vorrebbe starsene spaparanzato in spiaggia con un bel libro? Ma una spiaggia pulita, tranquilla, senza schiamazzi, con un mare cristallino da ammirare...e magari cullati in questo nido da favola... si chiama Nestrest ed io me ne sono innamorata!
NELLA BIBLIOTECA DI HOGWARDS
Visto che posso viaggiare con la fantasia, beh, non so voi...ma io un salto nella biblioteca di Hogwarts ce lo farei volentieri! Trovarmi nella scuola di magia più famosa del mondo, tra volumi magici ed i nostri amati maghetti...sicuramente sarebbe un'esperienza fuori dal comune...
A CENTRAL PARK
Quanto mi piacerebbe un bel viaggio a New York! Passeggiare in Central Park, in primavera, tra prati verdi e cespugli in fiore...fermarmi con una coperta vicino al lago e rilassarmi leggendo una bella storia d'amore 
PUB LONDINESE
Amo Londra! Me ne sono perdutamente innamorata la prima e, purtroppo per ora, unica volta in cui ci sono stata. Ed una cosa che mi ha particolarmente conquistata è stata proprio l'atmosfera dei pub...mi ci vedo, con una bella colazione ed un bel libro in mano seduta ad un tavolino di uno degli storici pub londinesi...magari il Sherlock Holmes con un libro Sir Arthur Conan Doyle tra le mani!
IN VIAGGIO SULL'ORIENT EXPRESS
Sono masochista lo so, passo tutti i giorni almeno 2 ore in treno...dovrei essere stufa! E in realtà lo sono...però l'atmosfera di questo treno è tutta un'altra cosa, ammettiamolo! Ha un fascino particolare...per me sarebbe un sogno fare un viaggio Venezia-Parigi (2 delle città più belle del mondo) a bordo di questo treno! Ed ovviamente porterei con me un romanzo di Agatha Christie ;)

giovedì 23 febbraio 2017

BLOG TOUR #4 tappa: COSE PREZIOSE di Stephen King - Tutto su Alan J. Pangborn

BUONGIORNO READERS!
Ebbene si, avete letto bene, un altro Blog Tour...ho deciso di partecipare a questa iniziativa perché King è uno degli autori che amo di più e questo uno dei suoi libri che ho adorato (come tanti altri del resto...non per niente amo questo autore)!
Ma torniamo a noi, con la mia tappa vi presento il personaggio di Alan J. Pangborn, lo sceriffo di Castle Rock!
Spero abbiate voglia di dedicare qualche minuto a questo post, se arriverete fino alla fine vi aspetta un mini-quiz (2 domandine facili facili) a cui dovreste provare a rispondere se vi va di partecipare all'estrazione per il premio che abbiamo messo a disposizione per voi...la copia cartacea del libro!
...e non dimenticate di compilare il modulo Rafflecopter che trovate a fondo pagina... (avete tempo fino al giorno 05 marzo).
GOOD LUCK & GOOD READ!
COSE PREZIOSEStephen KingQuale evento turba questa volta la pace della tranquilla cittadina americana di Castle Rock? È l'arrivo di Leland Gaunt, un forestiero strano e sfuggente. Quest'individuo ambiguo apre un negozio, Cose Preziose, dove è possibile acquistare pezzi rari, curiosità, autentiche gioie per piccoli collezionisti. Gaunt sembra catturare i desideri più nascosti di ogni cliente, riuscendo a trovare per chiunque ciò che cercava o segretamente sognava da anni.


CHI E' ALAN J. PANGBORN
Alan J. Pangborn è lo sceriffo di Castle Rock, nel Maine, e lo sarà per un decennio, tra il 1981 e il 1991.
Pangoborn  viene eletto sceriffo in seguito alla morte dello sceriffo precedente, George Bannerman, deceduto per mano (o per zampa?) del cane rabbioso, Cujo.
Nel suo lavoro è assistito da vice Norris Ridgwick, John LaPointe, e Andy Clutterbuck.
La prima apparizione di Pangborn è tra le pagine del romanza "La metà oscura" in cui si troverà ad affrontare George Stark. Tra le pagine di questo romanzo si apprende che Alan vive con la moglie Annie ed i suoi due figli Todd e Al. Una splendida famiglia, il cui unico turbamento sono le forti emicranie di cui soffre sempre più sovente la moglie Annie...

Il secondo romanzo (dopo la novella "Il fotocane") in cui incontriamo lo sceriffo è proprio "Cose preziose" ed il suo secondo temibile avversario sarà Leland Gaunt, il proprietario del negozio e protagonista del libro.
E' tra le pagine di questo romanzo che si viene a conoscenza del fatto che, dopo le vicende de La metà oscura, la vita dello sceriffo ha subito un duro colpo, la perdita della moglie Annie e del figlio minore Todd, in un incidente d'auto.
Questa vicenda dolorosa segnerà l'uomo in maniera indelebile, Pangborn soffre di incubi costanti ed è tormentato dal terribile dubbio che, quello che ha portato alla morte della metà della sua famiglia non sia stato un incidente, ma un gesto incomprensibile di sua moglie Annie.
Nonostante la sofferenza sta cercando di ricostruirsi una vita e lo sta facendo insieme a Polly Chalmers. Nella vicenda narrata in "Cose preziose" Alan è la sola persona non coinvolta nel disegno di Leland (perché non aveva nulla da chiedere).
Mentre, all'inizio della storia, è semplicemente impegnato ad immaginarsi chi abbia potuto commettere gli atti di vandalismo che turbano le giornate degli abitanti di Caste Rock...arriverà piano piano a capire che tutte le vicende abbiano tutte qualcosa a che fare con Leland. Le cose cominciano a chiarirsi quando Leland decide di sedurre la ragazza di Alan, Polly, con una collana che in qualche modo la guarisce dall'artrite alle mani... Alan scopre presto che...beh non voglio svelarvi altro, ma spero di avervi incuriositi almeno un po' e che vorrete dare una chance a questo libro!

ROMANZI/RACCONTI IN CUI COMPARE ALAN J. PANGBORN
La metà oscura
Il fotocane (novella contenuta nella raccolta "Quattro dopo mezzanotte")
Cose Preziose
Mucchio d'ossa (solo menzionato)
Il gioco di Gerald (solo menzionato)

IL KING QUIZ
1) Qual è lo pseudonimo con cui King ha pubblicato 5 romanzi prima di venire smascherato da un fan particolarmente attento?

2) In quale romanzo compare per l'ultima volta lo sceriffo Bannerman, predecessore di Alan Pangborn?

Per finire vi ascio il calendario del Blog Tour, andate a commentare tutte le tappe se volete prov a vincere!!!! ...e il modulo di iscrizione al Giveaway...

a Rafflecopter giveaway

mercoledì 22 febbraio 2017

W... w... w... Wednesday #37

Rubrica ideata da MizB di ShouldBeReading, partecipare è semplice, basta rispondere a queste 3 semplici domande:
What are you currently reading? Cosa stai leggendo?
What did you recently finish reading? Qual è il libro che hai appena finito?
What do you think you'll read next? Quale sarà la tua prossima lettura?
GOODMORNING READERS!
non ci posso credere, anche questo mese è quasi finito...questo è l'ultimo www di febbraio e io non sono riuscita a leggere tutti i libri che avrei voluto, si, c'è ancora qualche giorno, ma penso che più che finire il libro che ho in lettura e magari provare a leggerne un'altro non potrò fare...
Ma vediamo come sono messa :)

What are you currently reading? Cosa stai leggendo?
Dopo l'ultimo libro finito ho deciso di leggere questo, ma in realtà ho un momento di stanchezza, ne consegue che avrò letto si e no 20 pagine...ieri non ho proprio aperto il libro, cercherò di darmi una mossa da oggi...

What did you recently finish reading? Qual è il libro che hai appena finito?
Questa è stata proprio una lettura adorabile! Un libro divertente e scorrevole letto in un paio di giorni...prestissimo la recensione!

What do you think you'll read next? Quale sarà la tua prossima lettura?
Dovendo scegliere tra i libri che ancora devo leggere della TBR di febbraio credo che andrò avanti con la serie di Alessia Esse che sto adorando :) ...visto che la novella "Il desiderio di Violet" è molto breve, se farò presto proverò ad iniziare anche il terzo romanzo della serie, "Le notti di Seth"!

E la vostra settimana librosa? Com'è andata?

venerdì 17 febbraio 2017

Recensione "Remember: un amore indimenticabile" Ashley Royer

Remember: un amore indimenticabile
Ashley Royer
Editore DeAgostini  Pagine 381
Dopo la tempesta arriva sempre il sereno. Levi ne era davvero convinto. Per tutta la vita ha osservato la pioggia e rincorso gli arcobaleni, credendo ciecamente nel lieto fine. Ma un giorno le cose sono cambiate: il giorno in cui Delia, la sua ragazza, è morta in un tragico incidente d'auto. Da quel momento il temporale l'ha inghiottito, e la luce non è più tornata. Così Levi ha smesso di parlare. Furioso con il mondo intero, Levi ha deciso di non permettere a nessuno di forzare l'armatura dietro cui si è barricato. Né a sua madre che lo ha spinto a lasciarsi alle spalle il passato e l'Australia, né a suo padre che gli ha aperto le porte di casa in Maine, e nemmeno a Delilah, la ragazza che gli è apparsa come in un sogno e gli ha ricordato terribilmente Delia. Delilah in realtà è più che contenta di stargli alla larga: l'ultima cosa di cui ha bisogno è un tipo così scontroso e imprevedibile. Ma più passano i giorni, e più si rende conto che, dietro quel modo di fare insolente e sprezzante, si nasconde un'anima profondamente ferita, un cuore spezzato che deve ritrovare se stesso. E solo lei può aiutarlo.


 
Siamo di nuovo di fronte ad uno Young Adult che vuole trattare temi drammatici...e sinceramente non so nemmeno perché ho deciso di leggerlo, la devo smettere, sono letture che ormai non fanno più per me! Non mi sono piaciuti un gran che i personaggi e non mi è piaciuta un gran che nemmeno la storia...è decisamente un tipo di libro che non devo e non voglio più leggere. Forse adatta ad un pubblico più "young" di me...direi che bisognerebbe tararsi intorno ai 15/16 anni, che io purtroppo ho superato da un  pezzo.
Nonostante la storia si snodi attorno ad un protagonista segnato nell'animo dalla morte della sua giovane fidanzata, racconti della sua difficoltà a tornare a sorridere, della sua decisione di non parlare più, della sua depressione e così via...non c'è stato niente da fare, non mi ha toccata minimamente, non mi ha commossa, non mi sono sentita partecipe.
La storia è banale, lui depresso, non vuole più parlare e non vuole dimenticare la fidanzatina morta in un incidente...amici e famiglia gli stanno vicino ma non c'è nulla da fare. Decidono di spedirlo dal padre...lì conosce una ragazza e poi lascio a voi continuare...
I personaggi, come la storia, sono abbastanza scontati. Il protagonista...non ho parole...praticamente piange una pagina si e l'altra pure... con il risultato che, invece di suscitarmi sentimenti di compassione, mi ha innervosita all'inverosimile. Uno dei protagonisti più insopportabili di cui abbia mai letto! No, veramente, per quanto possa comprendere la sofferenza della perdita di una persona amata (e lo capisco) e per quanto possa comprendere che vi siano persone più sensibili di altre e più soggette di altre alla depressione ed alle difficoltà a reagire alle situazioni difficili...vi assicuro che Levi ad un certo punto mi è risultato quasi una caricatura dell'adolescente problematico.
Non lo so, forse ho affrontato questa lettura nel modo e nel momento sbagliato, sicuramente nell'età sbagliata e sicuramente dopo tanti altri libri che, alcuni meglio altri peggio, hanno toccato determinati problemi e sofferenze adolescenziali. 
Posso solo dire che a me non ha dato nulla, non mi ha trasmesso nulla...l'unica nota positiva è che essendo abbastanza scorrevole sono riuscita a finirlo, ma se mi fosse piaciuto ci avrei messo 2 giorni, invece ce ne ho messi 6, di noia!

mercoledì 15 febbraio 2017

W... w... w... Wednesday #36

Rubrica ideata da MizB di ShouldBeReading, partecipare è semplice, basta rispondere a queste 3 semplici domande:
What are you currently reading? Cosa stai leggendo?
What did you recently finish reading? Qual è il libro che hai appena finito?
What do you think you'll read next? Quale sarà la tua prossima lettura?
GOODMORNING READERS!
mercoledì...quindi, che ve lo dico a fare! Giornara di WWW!

What are you currently reading? Cosa stai leggendo?
In realtà non l'ho ancora iniziato, conto di farlo entro stasera :)

What did you recently finish reading? Qual è il libro che hai appena finito?
Questa settimana ho finito finalmente "Always"... ci ho messo ben 6 giorni per leggerlo, che dire, mi ha un po' annoiata, non posso dire che sia brutto, ma nemmeno che mi sia piaciuto, senza infamia e senza lode, sicuramente adatto ad un pubblico più giovane di quanto non sia io.
Invece il libro di Alessia l'ho adorato e divorato in due giorni...come del resto il primo della serie che conto di continuare ^^

What do you think you'll read next? Quale sarà la tua prossima lettura?
Per completare gli obiettivi della Challenge Un anno di Romance dovrei leggere un libro ambientato a Parigi ed ho pensato a "Parigi è sempre una buona idea". Per l'obiettivo de La sfida di lettura LPS invece dovrei leggere un libro d'esordio, mi butterò su "La lettrice"...quindi uno di questi 2 libri sarà la mia prossima lettura!